maurizio pecoraro

Maurizio Pecoraro - Istituto Marangoni

paese di provenienza: italia

brand o professione: direttore creativo e proprietario del marchio maurizio pecoraro

corso frequentato: fashion design · corso triennale · undergraduate

scuola: Milano Fashion School

anno di diploma: 1988

 

Nato a Palermo nel 1961, Maurizio Pecoraro si interessa alla sartoria da uomo quando è ancora bambino. Il piccolo designer decide di consolidare il suo talento; si trasferisce a Milano e studia all’Istituto Marangoni lavorando allo stesso tempo come buyer per un’importante catena svizzera di boutiques. Il suo talento creativo attira l’attenzione della Maison Thierry Mugler, per cui inizia a lavorare a Parigi. Tornato in Italia per completare i suoi studi, arriva in Versace nel 1989 per lavorare alle collezioni ‘Art of Alma’. Lo straordinario successo di questa collezione si traduce in sei anni di collaborazione con Versace, ma lavora come designer anche per brand del calibro di Antonio Fusco, Les Copains e altri. 

Debutta nel 1998 con la prima collezione che porta il suo nome e poi si reca in India per imparare le tecniche di ricamo e creare uno stile etnico nuovo e contemporaneo. Acclamato dalle celebrità, si distingue per lo stile elegantemente incontrollato e libero delle sue creazioni sartoriali. La stampa lo ha citato come uno dei designer pret-à-porter internazionali più esclusivi. Nell’Agosto del 1991 è sulla copertina di Vogue Fancia. Nel Giugno del 2000 il suo nome viene incluso tra i rappresentanti del “Nuovo Moderno” nell’edizione americana di Elle. HDP acquisisce il brand nel 2001 e Maurizio viene chiamato da Valentino per guidare il lancio della linea Valentino Roma. Contestualmente, Rania di Giordania ospita la Regina Madre in un abito di Maurizio e i due lavorano in stretta collaborazione durante la realizzazione del modello. Questo successo è seguito dalla consegna del premio ‘Miglior Talento Italiano’ in occasione dell’evento organizzato da AltaRoma nel 2003. Apre il suo primo negozio a Milano nel 2014. Tra i suoi progetti futuri, l’apertura di un concept store a Parigi e il consolidamento del suo brand nel mercato europeo, dopo una conferma della sua popolarità in Asia.