Malika Dzhamaldaeva vince il concorso "Create His-Story"

È Malika Dzhamaldaeva la vincitrice del contest “Create His-Story with Ceramic Figurines”, organizzato da Istituto Marangoni in collaborazione con Cappellini. Il concorso internazionale di design, giunto alla terza edizione, si è ispirato alla storia di Kaspar Utz, il collezionista di figurine di porcellana protagonista del celebre romanzo di Bruce Chatwin.

Agli aspiranti designer è stato richiesto di realizzare un elemento decorativo in ceramica o porcellana rappresentante personaggi reali o immaginari, con il limite dimensionale d’altezza pari a 15 cm.

Malika Dzhamaldaeva, prima classificata, si è aggiudicata una borsa di studio offerta dall’azienda Cappellini per partecipare al Master in Product & Furniture Design, che si svolgerà nella School of Design di Istituto Marangoni a partire da ottobre 2017, oltre alla possibilità di una esclusiva internship in Cappellini.

Il suo progetto “Awaken the Giant” riprende la figura statuaria del David di Michelangelo, racchiusa però in un cubo, in una posizione fetale ispirata in parte alle condizioni estreme in cui migranti e rifugiati affrontano il viaggio verso l’Europa, e in parte alla posa di John Lennon nell’iconica fotografia di Annie Leibovitz per la copertina di Rolling Stones del gennaio 1981, scattata la mattina dell’8 dicembre 1980, poche ore prima della sua morte.

Seconda classificata è Bibimariyam Mussakhanova, giovane diplomata in Product Design presso Istituto Marangoni Milano • The School of Design, il cui progetto “Sweet Neighbor” si ispira alla famiglia di zucchero protagonista del racconto “Rain, Rain, Go Away” di Isaac Asimov, i Sakkaro, che si sciolgono a contatto con la pioggia.

Compila il modulo, ti contatteremo entro 4 ore lavorative!

Privacy

Dichiaro di aver preso visione dell’Informativa ex. Art. 13 del GDPR 679/16 e acconsento al trattamento dei miei dati.

email   Accetto   Non accetto

telefono   Accetto   Non accetto

Acconsento al trattamento dei miei dati per finalità di profilazione.


  Accetto   Non accetto