Milano Moda Donna: un Palcoscenico Internazionale per sette Alumni

In programma dal 22 al 27 febbraio, Milano Moda Donna vede protagonisti ben sette degli alumni più talentuosi di Istituto Marangoni, la scuola che dal 1935 ha formato i migliori professionisti  della moda e del design, quattro generazioni di studenti provenienti da più 100 nazioni tra cui spiccano i nomi dei designer che sfileranno sulle passerelle milanesi: Rodolfo Paglialunga per Jil Sander, Maurizio Pecoraro, Alberto Zambelli, Lucio Vanotti, Daizy Shely, Ricostru che sono stati scelti da Camera Nazionale della Moda per essere supportati come brand emergenti.

Anche il brand dell’alumna Paula Cademartori, acquisito di recente dal Gruppo di Renzo Rosso, farà una presentazione dell’ultima preziosa collezione all’interno del calendario delle sfilate.

Ai talenti degli ultimi anni, si aggiungono coloro che ormai sono diventati ambasciatori dell’eccellenza della moda italiana nel mondo : la Maison Moschino, il cui fondatore e genio creativo ha iniziato la sua carriera tra i banchi di Istituto Marangoni e Domenico Dolce che ha frequentato la scuola prima di intraprendere una carriera che lo porterà insieme a Stefano Gabbanaa fondare la famosa maison Dolce&Gabbana.

Un risultato qualitativamente e numericamente importante che riafferma il ruolo di leader di Istituto Marangoni nel fashion education a livello internazionale, poiché ognuno di questi talenti è l’espressione più riuscita del Metodo Istituto Marangoni, che da ottant’anni si fonda su valori fondamentali come l’internazionalità, la valorizzazione del genius loci, le relazioni con la fashion industry e un corpo docente composto dai migliori professionisti del settore.

Compila il modulo, ti contatteremo entro 4 ore lavorative!

Privacy

Dichiaro di aver preso visione dell’Informativa ex. Art. 13 del GDPR 679/16 e acconsento al trattamento dei miei dati.

email   Accetto   Non accetto

telefono   Accetto   Non accetto

Acconsento al trattamento dei miei dati per finalità di profilazione.


  Accetto   Non accetto